Family Finance, chi gestisce cosa?
Una delle domande più frequenti nelle mie conferenze è legata alla domanda su chi dovrebbe gestire le finanze in casa? Devo chiarire che si tratta di una grande domanda e che, di solito, dare una risposta chiara genera calma in alcune controversie che sorgono all’interno della famiglia.
Lasciatemi spiegare la mia risposta sulla base dell’esperienza degli ultimi 12 anni di lavoro e di centinaia di linee guida finanziarie. Ci sono due aspetti che devo spiegare sull’amministrazione delle finanze: gestione e responsabilità.
Iniziamo facendo riferimento alla persona che è responsabile della gestione o della gestione del denaro su base giornaliera, cioè, chi sta aspettando gli ingressi, le uscite, i giorni di pagamento, ecc. Il coniuge che è responsabile di questa area deve essere colui che ha la maggiore capacità di farlo. Cerchiamo di essere chiari, ci sono persone che sono nate “litigate” con i numeri, e semplicemente non sono abili nel gestire i conti. Per loro, fare assegni o riconciliare il conto in banca è un martirio; Per quanto riguarda gli altri, è qualcosa di semplice e ci sono anche quelli a cui piace e si sentono felici di farlo. Quindi usiamo la logica, lascia che l’amministrazione sia quella più abile.
Il secondo punto, e forse il più importante dei due, è quello della responsabilità. Questo è il punto in cui voglio sottolineare che le finanze in casa sono di natura familiare, quindi la responsabilità deve poggiare su entrambi i coniugi e le decisioni devono essere d’accordo.
Uno degli errori finanziari che sento di più nelle coppie È quando il coniuge che non si occupa del giorno in giorno dei numeri, semplicemente trascura tutto. È molto comune sentirli dire cose come: “Io lavoro e do il mio assegno; Lui o lei è chi sa tutto. ” Anche molti mi dicono: “chiediglielo perché è colui che sa, non guardarmi”. È triste sentire queste risposte, è come se ad un certo punto un padre dicesse: “il problema di allevare i bambini non è una mia responsabilità, che ha a che fare con la madre”, ma sappiamo che sia la questione della genitorialità che la gestione del denaro è uno sforzo di squadra.
È chiaro che quando parliamo di questo, partiamo dal presupposto che la coppia ha un unico conto di famiglia, perché un aspetto ancora più complesso è quando alcune famiglie gestiscono il denaro con conti separati o sotto la premessa di “questa è la mia cosa e questa è la tua cosa”. Questo tipo di persone è garantito un futuro non molto incoraggiante nelle loro finanze, perché, a mio avviso, questo è un seme della divisione familiare che crescerà nel tempo per irrigare e fertilizzarlo con differenze, cose nascoste e ignoranza la situazione reale delle finanze della coppia.
In conclusione, suggerisco: prenditi il ​​tempo di sederti con il tuo partner, budget insieme e scrivi i piani finanziari in accordo. Questo principio è il più potente per la gestione delle tue finanze. Ricorda che la fisica spiega la legge della sinergia come l’aumento dell’azione di vari elementi perché agiscono insieme. Cioè, se ci uniamo otterremo più di quello che possiamo ottenere individualmente. Questa legge è comunemente citata dicendo “l’unità fa forza”

* Edwin Castro. Consulente, allenatore ontologico accreditato FICOP, amministratore aziendale, fondatore e direttore di Nexos Global e Presencia Viva a Miami, in Florida. La sua missione è aiutare questa generazione a trovare la propria identità, raggiungere la libertà finanziaria e scoprire il proprio scopo nella vita. Lavora come consulente finanziario e docente a livello internazionale; Inoltre, è membro di consigli di amministrazione di entità che lavorano con il governo e la comunità.
Raccomandiamo

News Reporter