Il nome è importante | Matrimonio con i bambini | Provincia di San José

Una delle più belle illusioni in attesa dell'arrivo di un bambino, è scegliere il suo nome. Sebbene in linea di principio il nome sia solo un suono articolato, può segnare la personalità e il destino dei nostri figli.

Il nome che mettiamo sui nostri figli li definisce, li identifica e li rappresenta socialmente; sarà chiamato, conosciuto e ricordato e, allo stesso tempo, sarà un modo per anticipare il futuro che vivrà. Il nome ha il potere di comunicare un significato di vita. Pertanto, non possiamo metterlo alla leggera e per ragioni come la tradizione o il capriccio.

I due scopi del nome secondo la tradizione ebraica

Nella tradizione ebraica, il nome ha due scopi. Da un lato, rappresenta l'essenza di ciò che il bambino che sta per nascere significa. Per gli ebrei, il nome è la chiave per conoscere l'anima della persona. Ciò che siamo in sostanza, è la somma di tutti quegli elementi che ci aiutano a costruire la nostra identità; al loro interno, il nome.

Ora, ciò non significa che il nostro nome determini il nostro futuro, ma contribuisce in modo significativo alla costruzione della nostra identità.

Il secondo scopo del nome, secondo la tradizione ebraica, è che rappresenta la storia che la persona vivrà; rappresenta qualcosa di ciò che sarà e farà in futuro. È come se il modo in cui ci chiamassero ci indicasse un percorso; Secondo il nome, così faranno le tue azioni. Il nostro nome ci spinge a conquistare il futuro descritto in esso, ecco perché i genitori dovrebbero sceglierlo con grande sensibilità spirituale.

Il modo in cui Dio nomina

Chi ci modella il modo giusto di nominare i nostri figli, è Dio. Sceglie i nomi con uno scopo e un senso di missione, e lo fa per identificare la persona con quello che è e ciò che farà. Questo è il modo in cui è spiegato in Genesi 17:

"Quando lo sentì, Abramo cadde in terra a terra. Allora Dio gli disse: "Questa è la mia alleanza con te: ti renderò padre di una moltitudine di nazioni! Inoltre, cambierò il tuo nome. Non sarà più Abramo, ma ti chiamerai Abramo, perché sarai il padre di molte nazioni. Ti renderò estremamente fruttuoso. I tuoi discendenti diventeranno molte nazioni e da loro sorgeranno re! "(Genesi 17: 3-6, NLT)

Dio cambia il nome di Abramo in modo che la sua nuova identità sia basata sulla promessa, e cosicché, sentendo il suo nome, tutto il suo essere ricorderà quello che presto diventerà. Ma la missione affidata ad Abramo raggiunge anche sua moglie Sara. Ecco perché Dio dice ad Abramo:

"Per quanto riguarda Sarai, tua moglie, il suo nome non sarà più Sarai. D'ora in poi, si chiamerà Sara. E la benedirò, e ti darò un figlio da lei! Sì, la benedirò in abbondanza, e lei diventerà la madre di molte nazioni. Tra i suoi discendenti ci saranno re di nazioni. "(Genesi 17: 15-16, NLT)

Il nome così espresso dal Signore implica la benedizione, ecco perché ordina ad Abrahamo di non chiamarlo più Sarai, ma d'ora in poi ti chiamerò Sara perché sarai la madre delle folle. Ciò che Dio sta facendo è determinare una nuova identità per Abraham e Sarah attraverso i loro nuovi nomi.

Questo è l'atteggiamento che dovremmo avere nella scelta del nome dei nostri figli; non sono solo parole, sono parole che annunciano quello che un giorno faranno e quello che sono oggi.

Possiamo concludere che il nome dei nostri figli è come un messaggio profetico che anticipa il loro destino, contribuisce alla costruzione del loro carattere e definisce la tua identità Pertanto, merita un'adeguata riflessione e intenzionalità. Vi do alcune raccomandazioni:

1. Se scegli il nome di tuo figlio per onorare una persona, assicurati che sia una potente fonte di ispirazione per lui.

Molte volte scegliamo il nome di una persona importante della famiglia per onorare l'eredità che ha lasciato, che si tratti del nonno, del padre o della madre. In questo modo, la vita di nostro figlio sarà legata a questa persona, perché quando crescerà dovrà spiegare che il suo nome è in onore di qualcun altro. Connettere un bambino con una persona del passato è qualcosa che dovremmo pensare molto bene, perché lui o lei dovrebbe essere una persona che lo ispira in futuro.

2. Scegli un nome che inviti intenzionalmente tuo figlio a sviluppare il suo potenziale in futuro.

I nomi significano storie da raccontare, libri da scrivere, poesie da recitare. Se comprendiamo la loro importanza, dobbiamo sceglierli in modo tale da dare il meglio ai nostri figli, in modo che si sentano ispirati a vivere ciò che significano i loro nomi.

Espone bene il Salmo 139: "Signore, mi studi, mi conosci. Sai quando mi siedo e quando mi sveglio; Anche a distanza mi leggi il pensiero. I miei trajines e le pause li conosci; Tutti i miei modi ti sono familiari. La parola non mi raggiunge ancora quando tu, Signore, già conosci tutto (…) Hai creato le mie viscere; Mi hai formato nel grembo di mia madre. Ti lodo perché sono una creazione ammirevole! I tuoi lavori sono meravigliosi e questo lo so molto bene! Le mie ossa non ti erano sconosciute quando nella più profonda nicchia mi ero formato, quando nella parte più profonda della terra sono stato tessuto insieme. (…) 16 I tuoi occhi vedevano il mio corpo in gestazione: tutto era già scritto nel tuo libro; Tutti i miei giorni venivano progettati, sebbene non ce ne fosse uno. 17 Quanto sono preziosi, o Dio, i tuoi pensieri! Quanto è immensa la loro somma! (Salmo 139 1-4,13-17, NIV)

Dio ci conosce ancor prima che esistessimo, contò i nostri giorni, ci intrecciò con amore eterno e determinò lo scopo per il quale voleva che noi vivessimo. Ognuno di noi deve onorare il nome che lui o lei porta e sostenere lo scopo per il quale è stato creato da Dio. Se Dio si è preso cura di ogni dettaglio, dovremmo fare lo stesso con la vita dei nostri figli. Pertanto, i nomi vengono scelti con un senso di scopo.

3. Non usare soprannomi che danneggiano l'identità di tuo figlio

I soprannomi, soprannomi o diminutivi, in linea di principio, sono affettuosi, ma possono influire sull'autostima, sull'aggressione o sulla discriminazione nei confronti dei bambini; soprattutto se indicano caratteristiche particolari o difetti fisici. Prenditi cura delle loro parole, ricorda che non sono facilmente spazzate via dal vento e hanno un peso importante nella costruzione della personalità dei loro figli.

Dobbiamo ricordare che tutto è stato creato attraverso la parola. Dio disse che la luce fu creata e creata; Ordinò che le acque fossero separate dalla terra, ed accadde. Ciò significa che le parole hanno formato la materia e le cose ordinate. È meraviglioso il mistero che questo contiene, ma allo stesso tempo è una grande responsabilità, perché Dio ci ha dato lo stesso potere di creare mediante le parole.

Possiamo creare emozioni, anticipare il futuro contando i nostri sogni e generare sentimenti nelle persone attraverso ciò che esprimiamo. Ecco perché le parole hanno il potere di produrre la vita o la morte, come indica Proverbi: "Nella lingua c'è potere di vita e di morte …" (Proverbi 18: 21NVI)

Pertanto, i nomi non solo Identificano le persone e le cose, ma anche le forme e le creazioni. Questo è meraviglioso, per il solo fatto di pensare che l'unico essere vivente creato da Dio che ha questa particolarità sia l'essere umano. Siamo nati per plasmare la vita dei nostri figli attraverso ciò che diciamo loro e il nome che diamo loro.

4. Dai ai tuoi figli il nome per credere a ciò che Dio farà in loro

I nomi creano realtà immaginarie attraverso la fede e la fiducia in Dio. Dio disse ad Abrahamo: "Farò di te una grande nazione, e ti benedirò; Renderò famoso il tuo nome e sarai una benedizione. Benedirò coloro che ti benediranno e maledirò quelli che ti maledicono; Attraverso te tutte le famiglie della terra saranno benedette! "(Genesi 12: 2-3, NIV).

Decidi di rendere famoso il nome dei tuoi figli e di rendere famoso il tuo nome credendo nei piani di Dio per te e la tua progenie.

5. Non pensare che sia troppo tardi per Dio per sanare la tua identità e quella dei tuoi figli.

Dio ha cambiato il nome in Abramo a 99 anni e a Sara a 90 anni. Non è mai troppo tardi per Dio per sanare la nostra identità e potenziarci nella realizzazione di tutto ciò che ha proposto di fare con noi e i nostri figli [19659002]

Ecco perché Dio disse ad Abrahamo: "Non sarai più chiamato Abram, ma d'ora in poi il tuo nome sarà Abrahamo, perché ti ho confermato come padre di una moltitudine di nazioni". (Genesi 17: 5, NIV)

Se Dio ha cambiato l'identità di Abramo all'età di 99 anni, non è troppo tardi per noi smettere di dire soprannomi che feriscono coloro che amiamo. È tempo di elevare la fede, la speranza e l'incoraggiamento ogni volta che diciamo il nome dei nostri figli e dei nostri. Diciamo il nome con orgoglio e onore, ricordando che vi è un destino e uno scopo.

Cambia l'identità dei tuoi figli se li hai erroneamente chiamati con qualificazioni offensive o li hai fatti sentire sottovalutati o minimizzati. Indirizzali alla grandezza, al destino che Dio ha definito per loro e alla realizzazione dei sogni che portano il loro nome in cielo.

Quando abbiamo incontrato Dio, cambia il nostro nome, questo è successo a Giacobbe, e tutto in lui è cambiato. "Allora l'uomo disse:" Lasciami andare, è già l'alba! -Non ti lascerò andare finché non mi benedirai! Rispose Jacob. – Come ti chiami? L'uomo ha chiesto. "Il mio nome è Jacob", rispose. Allora l'uomo gli disse: "Non sarai più chiamato Giacobbe, ma Israele, perché hai combattuto con Dio e con gli uomini, e hai vinto" (Genesi 32: 26-28, NIV).

La natura di Jacob cambiò, non era più il supplanter, ora Dio gli ha dato una nuova natura e un nuovo nome che descrive il suo carattere e il suo destino. Dio gli concede una nuova identità. Adesso è … Israele.

Pianifica il tuo appuntamento virtuale di consulenza

[19659002]

* Sixto Porras. Direttore regionale di Focus on the Family. Autore dei libri: «Amore, sesso e corteggiamento», «Back Home», «Successful Children» e «The Language of Forgiveness». Coautore di: «Portiamo i figli a casa» e «Meditazioni familiari». Il marito di Helen e padre di Daniel e Esteban. La sua passione è aiutare le famiglie a migliorare.

News Reporter