Vento in poppa:  PROVATA. RM 1370. La francese si fa più bella per il Mediterraneo

Vento in poppa: PROVATA. RM 1370. La francese si fa più bella per il Mediterraneo

On

Al salone di Parigi del 2016, quando avevamo visto i primi disegni dell’RM 1370, era stato subito evidente il cambio di marcia del cantiere Fora Marine. Ora che lo abbiamo provato nelle acque francesi di La Rochelle, possiamo confermare che quello che allora era solo un disegno, è stato realizzato. Il nuovo RM 1370 va a sostituire il 1360 varato tre anni fa.
Le linee di carena sono le stesse, ma per il resto questo 13,70 metri è tutto nuovo, con un look attualissimo ed elegante, che segna una svolta per il cantiere. A partire dalla prua che adesso è caratterizzata da un’elegante linea inversa, ben bilanciata da una lunga delfiniera strutturale dove trovano posto l’ancora e il punto di mura delle vele a grande superficie (Code 0 e gennaker). La prua inversa, oltre a dare un look più aggressivo alla barca, allunga la linea di galleggiamento. Il bordo libero è aumentato rispetto al 1360 così da garantire volumi interni ancora più spaziosi. Tutto questo senza appesantire il profilo laterale, grazie anche al design estremamente filante della tuga che finisce poco dopo l’albero, così da lasciare libera tutta la zona prodiera. Un altra novità è il diverso taglio della finestratura di prua, che ora ha i due angoli superiori che fuggono verso l’alto formando due piccole ali. Cosa che dona agli interni ancora più luce e dà un tocco di eleganza in più a tutta la barca. Cambiano anche gli oblò laterali che sono più allungati e leggermente più bassi. Cambiamento puramente estetico, ma che alleggerisce molto l’aspetto della murata.

UN PROGETTO FIRMATO MARC LOMBARD
Il marchio di fabbrica di RM, praticità e comodità in coperta, è anche in questo 1370 uno dei punti di forza. Il pozzetto, classico nelle disposizioni, che sfrutta la larghezza massima di 4,50 metri, è una vera piazza d’armi, esaltata anche dallo specchio di poppa completamente aperto. Marc Lombard ha voluto incrementare in particolare la comodità e l’estetica degli interni aggiungendo alcune finiture e rivedendo leggermente i volumi dei diversi locali.
La larghezza ai limiti massimi della categoria dei 14 metri permette di avere un layout con due cabine poppiere (una delle quali può essere trasformata in locale tecnico, come nel layout della barca protagonista della nostra prova, mentre l’altra misura 137×200 cm) e una vera cucina a U distinta dalla dinette con due divani contrapposti e un megatavolo con ante abbattibili. Ovviamente, come da tradizione di queste barche nate per navigare a lungo raggio, lo spazio riservato al tavolo da carteggio (100 x 55 centimetri) è di dimensioni generose. Contrapposto alla cucina un grande bagno. A prua una bella cabina armatoriale con bagno diviso in due locali tenendo la doccia separata e grande armadio. Gli interni sono illuminati con vista mare dalle grandi finestrature laterali e frontali che caratterizzano il look della nuova generazione degli RM. Tutti i pesi sono concentrati a centro barca, anche i serbatoi in acciaio inox dell’acqua e del carburante. ..

Vento in poppa:  Esploratori in rada con le… barche che stanno in una sacca

Vento in poppa: Esploratori in rada con le… barche che stanno in una sacca

On

Pensate già adesso alla crociera estiva: cos’è che manca a bordo di una barca e che ultimamente sta invece diventando una tendenza? Un gonfiabile. Una barca che sta in una sacca per poter esplorare la costa una volta che siete in rada, sia a vela che “pagaiando” con sup o kayak. Si tratta di prodotti poco ingombranti e che sono pronti all’uso in pochi minuti grazie ai gonfiatori in dotazione. Sicuramente un regalo che sarà apprezzato perché consente di trasformare una sosta in rada in un’esplorazione avventurosa. Abbiamo aggiunto alla rassegna anche delle poltrone galleggianti gonfiabili, che abbiamo testato e sono davvero comode, e una piattaforma, ideale per prendere il sole!
Aquaglide Sup Cascade
Il SUP è la moda del momento: sembra una tavola da surf ma la usi con i remi, sembra una canoa ma ci stai in piedi. Questo si gonfia e sgonfia in pochi minuti e grazie a un sistema di pinna di deriva molto rigida permette un’eccellente tenuta di rotta mentre si pagaia. Costa 490 euro. LO TROVATE QUI
Aquaglide Multisport 270
La deriva più versatile al mondo si chiama Multisport 270: si trasforma in pochi minuti da barca a vela, a windsurf, a kayak. Può essere usata anche come una piattaforma galleggiante o più semplicemente come lettino per il sole: è un natante polifunzionale per far divertire tutta la famiglia. ha un prezzo di 1.129 euro. LO TROVATE QUI
Pathfinder C-II 330
Il Pathfinder C-II 330 è un kayak gonfiabile a due posti con una resistente copertura in poliestere che protegge da eventuali urti ed abrasioni. Inoltre, grazie al fondo gonfiabile e alle due camere dello scafo, il Pathfinder assicura stabilità e comfort durante la navigazione. Buon divertimento! Costa 239 euro. LO TROVATE QUI
Poltrone Color-Splash
Per rilassarvi in rada come in salotto, ma con i piedi a bagno, ci sono le poltrone gonfiabili Color-Splash, disponibili in vari colori. Le dimensioni sono di 93x83x76 cm. Costano 18 euro l’una. LE TROVATE QUI
Piattaforma Aquaglide Airport Classic
Questa piattaforma (2,28 x 2,28 m, spessore 25 cm) è disponibile anche con cuscino con portabibite e bimini. Realizzata con anima in PVC ad alta resistenza a doppia camera d’aria e rivestita con in poliestere per il comfort, dispone di quattro maniglie rinforzate per imbarco, traino e trasporto. Costa 410 euro. LA TROVATE QUI
SCOPRI TUTTI LE IDEE REGALO PER NATALE PERSONALIZZABILI SCOPRI GLI ACCESSORI DI NAUTICPLACE E CREWCOLLECTION The post Esploratori in rada con le… barche che stanno in una sacca appeared first on Giornale della Vela – notizie di vela – regate – crociera.

Vento in poppa:  AAA Barca rubata cercasi! Se l’avete vista, contattate la Polizia!

Vento in poppa: AAA Barca rubata cercasi! Se l’avete vista, contattate la Polizia!

On

Un furto clamoroso: nella notte tra sabato e domenica scorsi è stata rubata, nel porto di Aregai (Imperia), la barca a vela Moody 54DS “Tangaroa”. Bandiera inglese, scafo immatricolato DE-MOO54019I115. Scafo e tuga bianchi, armo a cutter. E’ la barca che è stata esposta al salone di Genova 2017.
Se volete dare una mano agli armatori, condividete questo annuncio! Chiunque avvistasse la barca, è pregato di avvisare la Capitaneria di Porto o la Polizia. The post AAA Barca rubata cercasi! Se l’avete vista, contattate la Polizia! appeared first on Giornale della Vela – notizie di vela – regate – crociera.

Vento in poppa:  Rilassatevi velisti! Vi spieghiamo come funziona il nuovo (e giusto) Codice della Nautica

Vento in poppa: Rilassatevi velisti! Vi spieghiamo come funziona il nuovo (e giusto) Codice della Nautica

On

Il nuovo Codice della Nautica è realtà. E per fortuna, mondato da tutte le “porcherie” che inficiavano il buon lavoro svolto negli anni da Ucina Confindustria Nautica e partners (Assilea, Assomarinas, Assonat-Confcommercio, Confarca e Federvela). Il testo inizialmente licenziato dal Consiglio dei Ministri rischiava di essere l’ennesima presa “per i fondelli”. Ma, a seguito dell’azione congiunta delle suddette associazioni e del confronto con l’ufficio legislativo del ministro (e delle nostre proteste, da tempo siamo in prima linea a denunciare l’inettitudine nautica di chi ci governa) sono state accolte quasi tutte le integrazioni necessarie. Rispetto al testo iniziale, abbiamo verificato, sono state apportate 34 modifiche (sui 54 articoli totali) e poste dal parlamento altrettante “condizioni” vincolanti per l’approvazione del decreto.
Quella che più ci interessa, è quella relativa al famoso Registro Telematico della Nautica, che diventerà realtà entro sei mesi. Cosa cambia (in meglio), per chi va per mare? Lo abbiamo chiesto a chi, negli anni, ha lavorato duro per la causa: Roberto Neglia, Responsabile dei Rapporti Istituzionali per Ucina.
Roberto Neglia, 48 anni, Responsabile dei Rapporti Istituzionali per Ucina Confindustria Nautica
Buongiorno Neglia. Finalmente buone notizie… Finalmente. Mi faccia solo dire che è il risultato di una grande squadra. Il testo del nuovo Codice della Nautica è frutto di un lavoro immane. In Italia, riuscire a ‘semplificare’ è sempre un successo. Ci sarà qualcuno non soddisfatto, fa parte del gioco, ma nel complesso il nuovo codice oltre a rendere la vita più facile a centinaia di migliaia di dipartisti, rende la nostra bandiera molto più appetibile anche per chi ha una barca registrata all’estero.
La madre di tutta la riforma era il Registro Telematico della nautica. Come funzionerà? Si tratterà di un server che raccoglierà digitalmente tutte le informazioni relative alle imbarcazioni. Iniziaamente le nuove, poi gradatamente quelle iscritte nei 104 registri cartacei delle Capitanerie di Porto. Registri che non dialogavano tra loro, rendendo di fatto possibile, in teoria, più immatricolazioni per barca (si pensi al caso di Giulio Lolli, che riusciva a vendere la stessa barca a più clienti, ndr). Più sicurezza, e meno burocrazia: l’interfaccia ‘pubblica’ del registro sarà lo Sportello Telematico del Diportista o STED. Sarà lo sportello, proprio come accade con le automobili, a rilasciare la licenza di navigazione, procedendo anche agli aggiornamenti (cambio proprietà, residenza, nomina di armatore, ipoteca, leasing), con specifici tagliandi. Inoltre, svolgerà le procedure relative al rilascio, rinnovo e convalida del certificato di sicurezza e del certificato di idoneità al noleggio e quelle per l’autorizzazione alla navigazione temporanea e per il rilascio della nuova licenza provvisoria.
Ma se avessi acquistato la barca in leasing? Potrà iscrivere la barca anche l’utilizzatore in leasing: prima poteva farlo..

Vento in poppa:  Gabart è il “solito esagerato”: fa 1400 miglia in 48 ore a 30 nodi di media. Coville trema?

Vento in poppa: Gabart è il “solito esagerato”: fa 1400 miglia in 48 ore a 30 nodi di media. Coville trema?

On

C’è un po’ di traffico in oceano Atlantico in questi giorni. C’è la Mini Transat con la sua seconda tappa (LEGGI QUI LE ULTIME), c’è la Volvo Ocean Race partita per la leg 2 verso Cape Town, c’è la Transat Jacques Vabre con tanti italiani (LEGGI QUI). Ma c’è anche chi va a caccia di record come François Gabart, partito da Ouessant, Francia, per il giro del mondo in solitario, senza scalo, sul maxi trimarano Macif, sulla scia del record detenuto da Thomas Coville con Sodebo: 49 giorni, 3 ore, 4 minuti e 28 secondi. Gabart, vincitore di un Vendèe Globe e vero dominatore delle regate oceaniche degli ultimi anni, seguirà il solito percorso verso est passando da Capo di Buona Speranza, Cape Leeuwin e Capo Horn prima di risalire l’Atlantico.
Sulla rotta opposta, ma sempre in solitario e su un trimarano, avrebbe dovuto esserci Yves Le Blevec ma il suo tentativo si è interrotto dopo poche ore per un problema tecnico a lo skipper di Team Actual è fermo a La Trinité sur Mer per risolverlo e attendere una nuova finestra meteo utile.
A bordo di Macif, sulla sinistra il dettaglio dei foil a L per vare volare il trimarano
François Gabart nel frattempo non si annoia di certo. Giunto al suo terzo giorno di navigazione, il vincitore del Vendèe Globe 2013-2014 sta facendo le cose a modo suo, ovvero velocemente: sfruttando i 30 metri del suo trimarano Macif, che lo ricordiamo è stato ottimizzato con foil a L per volare anche in pieno Oceano, il biondo sta macinando miglia e ne ha 89 di vantaggio sul riferimento di Coville.
Macif e Gabart in giallo, il riferimento di Sodebo e Coville in rosso
Impressionante la performance nelle prime 48 ore, con oltre 1400 miglia percorse alla media di 30 nodi, con punte di velocità a 45 e medie orarie a 39.
A bordo di Macif nell’Aliseo
In questa fase Macif, con un aliseo non troppo forte, ha “rallentato”, con medie più vicine ai 25 nodi e stabilmente sopra le 500 mgilia in 24 ore. Il prossimo momento “caldo” sarà l’avicinamento ai dolldrums, la zona di interconvergenza tropicale, prima di affrontare la discesa nell’aliseo di sudest e l’ingresso nel Grande Sud.
Per seguire Gabart e Macif QUI
The post Gabart è il “solito esagerato”: fa 1400 miglia in 48 ore a 30 nodi di media. Coville trema? appeared first on Giornale della Vela – notizie di vela – regate – crociera.

Vento in poppa:  Cinque idee per essere i re indiscussi della banchina

Vento in poppa: Cinque idee per essere i re indiscussi della banchina

On

Volete vivere la barca come una casa comodissima, anche in banchina? Un buon monopattino o una bici pieghevole, stivabili in un gavone, vi serviranno per arrivare dalla barca con la spesa o le borse da caricare, una passerella di ultima generazione vi garantirà agevoli salite mentre un tendalino vi riparerà dalla calura estiva. E se volete farvi una bella doccia sul pontile, fate in modo di avere la manichetta giusta, e non quelle obsolete in gomma che si sciolgono al sole e diventano appiccicose. Ecco alcuni buoni esempi:
Monopattino elettrico Egret One
Ideale per la barca, pieghevole e leggero, il monopattino elettrico della Egret è realizzato in Ergal e ha un’autonomia di ben 24 chilometri. Da chiuso misura 93x14x30 cm. Il prezzo è di 995 euro. LO TROVATE QUI
Bici pieghevole Cicli Cinzia
La bicicletta Cinzia è pieghevole con telaio hi-tension e forcella Unicrown Tig con ruote da 16”. E’ molto maneggevole e da chiusa sta tranquillamente in un gavone. Il prezzo è di 189 euro. LA TROVATE QUI
Passerella pieghevole Polymer
Un accessorio da veri “re della banchina” è una passerella all’ultimo grido: pieghevole, leggera, in composito. Stivabile ovunque e galleggiante. Tutte caratteristiche che presenta questo modello della Polymer (990 euro), lungo 220 cm e largo 35. Pensate che pesa soltanto 8 chili e mezzo! LA TROVATE QUI
Tendalino da sole avvolgibile
Un buon tendalino da barca, sotto al sole cocente, vi farà stare al fresco ma soprattutto causerà l’invidia dei vostri vicini che non si sono premuniti! Scherzi a parte, RollTop, il tendalino avvolgibile, è facile da installare e copra una superficie di 1,90 x 1,70 m. Costa 268 euro. LO TROVATE QUI
Manichetta Hosecoil
Buttate via la vecchia manichetta in gomma sciolta da sole, sporca e appiccicosa: questa, oltre ad essere poco ingombrante e in grado di erogare sette differenti spruzzi, è resistente ai raggi UV e ha solidi raccordi in ottone resistenti alla corrosione. Ha un prezzo di 40,72 euro. LA TROVATE QUI
SCOPRI TUTTI LE IDEE REGALO PER NATALE PERSONALIZZABILI SCOPRI GLI ACCESSORI DI NAUTICPLACE E CREWCOLLECTION The post Cinque idee per essere i re indiscussi della banchina appeared first on Giornale della Vela – notizie di vela – regate – crociera.

Vento in poppa:  MINI TRANSAT Beccaria, sfortunaccia nera! Rotto il bompresso, rotta su Capo Verde

Vento in poppa: MINI TRANSAT Beccaria, sfortunaccia nera! Rotto il bompresso, rotta su Capo Verde

On

Ambrogio Beccaria all’arrivo a Las Palms. Foto Breschi
Non stiamoci a girare intorno: la situazione è bella che compromessa. Ambrogio Beccaria, autore fin qui di una Mini Transat da vero protagonista (sesto nella prima tappa della regata, da La Rochelle alle Canarie, tra le barche di serie, con un Pogo 2, un modello più datato rispetto a quelli degli skipper di punta) ha rotto il bompresso e sta tornando a Mindelo (Capo Verde) per ripararlo. Dovrà stare fermo per regolamento almeno 12 ore e poi potrà ripartire.
Al momento della rottura Ambrogio, a bordo di Alla Grande Ambeco, si trovava in ottava posizione dopo una partenza non brillante della seconda tappa (Las Palmas-Le Marin, la vera traversata) e una rimonta sulla flotta. Il podio non sembrava essere un’utopia, ma ora, con questo stop forzato, soltanto un miracolo potrà riportarlo in gara tra i primi. Peccato.
FORZA FORNARO!
Nel frattempo, prosegue l’ottima regata di Andrea Fornaro, sul suo 931 Sideral: lo skipper solitario è in quarta posizione tra i proto, a pochi metri dal terzo, Jorg Riechers. Tra i Serie, Andrea Pendibene su Pegaso Marina Militare naviga al 21mo posto, Emanuele Grassi su Penelope è 41mo.
The post MINI TRANSAT Beccaria, sfortunaccia nera! Rotto il bompresso, rotta su Capo Verde appeared first on Giornale della Vela – notizie di vela – regate – crociera.

Vento in poppa:  LE GATTA-CARTOLINE Saluti e baci da…Carloforte

Vento in poppa: LE GATTA-CARTOLINE Saluti e baci da…Carloforte

On

Prosegue il viaggio di Adriano Gatta sulla Rotta Sardegna – Trapani -Sardegna, in direzione “ostinata e contraria). Ecco la nona puntata…
Si scrive Isola di San Pietro si pronuncia Carloforte. Questo è il nome dell’unico centro abitato dell’isola di San Pietro, e quasi tutti identificano San Pietro con Carloforte ed alcuni dicono addirittura Isola di Carloforte.

Fatto sta che quest’isola, peraltro la sesta in estensione in Italia separata in classifica da Sant’Antioco solo da Pantelleria, è una chicca, uno scrigno che racchiude in se’ tutte le bellezze del Mediterraneo: coste alte e rocciose ricche di grotte, alternate a belle spiagge di sabbia chiara, un mare cristallino e soprattutto la lingua.

Se su Sant’Antioco solo gli abitanti di Calasetta, peraltro emigrati da Carloforte, parlano il ligure antico, qui tutta l’isola, peraltro quasi deserta a parte alcuni insediamenti turistici, ed in particolare Carloforte parla il Pegliese (di Pegli) antico…per intenderci quello di Crêuza de mä di Deandrèiana memoria.
Ed anche il paese sembra un presepietto ligure con i suoi caruggi ed i nomi delle vie scritti in genovese. Ma veniamo a noi, scusate ma io, come sempre, mi perdo a raccontare notizie e curiosità che con la vela hanno ben poco a che fare…ma tant’ è che, finchè perdura sto’ Maestrale…
Quindi, giornata trascorsa tra le viuzze ed i negozietti del borgo,la visita alle saline con i “soliti” fenicotteri, una sistematina al Bravo Papà ed uno sguardo alle bellissime barche a vela presenti in Porto; alcuni equipaggi, però, non erano molto esperti ad addugliare cime e scotte….(vedi foto)

Ah già ecco i Marina: tre; due sul porto dove arriva il traghetto da Portovesme eCalasetta ed uno più piccolo appena in fondo al lungomare(500 mt.)
Prezzi in linea con Calasetta anzi, leggermente inferiori.
Sarebbe un ottimo posto dove stazionare tutto l’anno se non fosse per la logistica; volo da Cagliari + transfer 100 km + traghetto……
Se Favignana lo è per la Sicilia,Carloforte è la patria del tonno Sardo.
Nei ristoranti della cittadina lo trovate fatto in tutti i modi.

A proposito di ristoranti….qui a Carloforte trovate il ristorante originario dello chef stellato Luigi Pomata ( vedi cartolina da Cagliari) che assieme ai fratelli Nìcolo ed Antonello gestiscono sia il ristorante sul lungomare che il Bistrot in un vicoletto interno. Non perdetevelo!!!
Se poi il vento e le onde continuano a martoriare la costa nord e ovest e vi piace immergervi potete scegliere di fare delle immersioni lungo la costa. Sull’isola c’è solo l’Isla Diving ed è ottimamente gestito da Elena, una simpatica ragazza romana. Purtroppo e stranamente, vista la varietà di fondali, questa zona non è parco marino e quindi il pesce è un po’ scarsino ma potrete compensare con gorgonie,nudibranchi e grotte.
Ma arriviamo finalmente al giro dell’isola in barca (circa 20 miglia); il maestrale è scemato, anzi è calato del tutto(come sempre o troppo o niente) e quindi giro a motore in senso antiorar..

Vento in poppa:  LE GATTA-CARTOLINE Saluti e baci dalla costa sud-ovest della Sardegna

Vento in poppa: LE GATTA-CARTOLINE Saluti e baci dalla costa sud-ovest della Sardegna

On

Prosegue il viaggio di Adriano Gatta sulla Rotta Sardegna – Trapani -Sardegna, in direzione “ostinata e contraria). Ecco l’ottava puntata…
Wroom,wroom, rumore strano per una barca, infatti è quello di uno scooter 200. Avete portato il casco? Occhio, perché qui a Calasetta la Polizia locale è rigidissima anche con i parcheggi e la differenziata della spazzatura…..
bene allora partiamo!!!
Ma ‘sto maestrale rompe anche in moto, …azz!! devo stare attento perché ci ha già spostati due volte….. Giro dell’isola in senso antiorario, ripassando dalle baie del giorno precedente, raggiungiamo le spiagge del lato sud, ben ridossate(nel senso che, almeno, non c’è onda).
Capo Sperone, Peonia Rosa, e poi una sosta per visitare la Torre Cannai ed ammirare il panorama su le isole Vacca e Toro e sulle lontane, ma non poi tanto, dune di Porto Pino e su Capo Teulada.
Coaqquaddus, Maladroxia e Portixeddu(Maladroja e Portijeddu con la j francese), malgrado il nome che ricorda i templi aztechi o maya, ci lasciano abbastanza delusi.
Grandi spiaggie “piene”( non certo come quelle romagnole) di ombrelloni e sdraio con alcuni chioschi dove ci beviamo qualcosa di fresco. In breve siamo a S.Antioco-paese ed attraversiamo lo stretto istmo che separa l’isola dalla terraferma.
Alla nostra destra, verso il golfo di Palmas, stagni e saline, a sinistra un grande braccio di mare con una profondità media di 1 mt. ed un canale navigabile ? che segue la costa orientale sino a Punt’e trettu. Fenicotteri ovunque con le piume arruffate dal vento che cercano gamberetti nel limo dei bassi fondali.
Puntiamo all’interno, su Carbonia, alla quale diamo un’occhiata furtiva prendendoci un caffè in piazza poi ancora verso il paese natio di Julio…Iglesias (bah)
E finalmente torniamo sul mare all’altezza della spiaggia di Plagemesu battuta dal maestrale con cavalloni surfati da decine di tavole e di Kite. Da qui ai faraglioni di Masua ,Porto Flavia ed al Pan di Zucchero è un volo d’uccello su una strada panoramica a picco sul mare.
Sembra di essere in Costiera Amalfitana o sul mio vecchio e caro Alto Garda.
<>
<

> ( puoi giurarci!!!)rispondo a mia moglie in idioma bresciano.
Rinunciamo alla vista delle miniere che scaricavano i minerali direttamente da una galleria scavata nella parete a picco sul mare e ,visto che l’appetito si fa sentire, andiamo, percorrendo una spettacolare strada di montagna incassata fra profondi canyons, sino a Cala Domestica.
Un lungo sterrato in fondo ad una gola nei monti del Iglesiente ci porta a questa splendida baia che merita di essere vista da terra, quando c’è maestrale e dal mare con tutti gli altri venti.
Le onde frangono sulle rocce a picco all’ingresso della baia e noi ci fermiamo per un panino-merenda all’unico chiosco della spiaggia. Fatto riposare il fondoschiena, abbiamo già fatto otre 100 km, ritorniamo lungo la costa sino a Porto Scuso-Porto Vesme,..

Vento in poppa:  L’Italia all’attacco Transat Jacques Vabre, partiti! Ed è subito meteo duro

Vento in poppa: L’Italia all’attacco Transat Jacques Vabre, partiti! Ed è subito meteo duro

On

Da sinistra: Massimo Juris e Pietro Luciani, Giancarlo Pedote, Andrea Fantini e Alberto Bona
E’ la più dura e lunga delle transatlantiche, obbliga gli skipper ad affrontare una grande varietà di condizioni meteo, dai fronti freddi della Manica agli Alisei passando dalle calme equatoriali. Vi partecipa il top degli skipper oceanici, sul top delle barche da regata offshore. La Transat Jacques Vabre è partita da Le Havre con destinazione Salvador de Bahia dopo ben 4350 miglia di regata, e per l’Italia c’è tanto tifo da fare.
Sono cinque i velisti tricolori impegnati nella transatlantica in doppio. Ve li abbiamo presentati a uno a uno: loro sono Alberto Bona e Andrea Fantini sul Class 40 Enel Green Power (LEGGI QUI LA LORO STORIA), Massimo Juris e Pietro Luciani sul Class 40 Colombre XL (LEGGI QUI LA LORO STORIA), e Giancarlo Pedote in coppia con il francese Fabrice Amedeo sull’IMOCA 60 Newrest Brioche Pasquier (LEGGI QUI LA SUA STORIA). In regata oltre ai Class 40 e agli IMOCA 60, ci saranno anche i Multi 50 e i giganteschi trimarani della Classe Ultime: in totale gli iscritti sono 40, 16 Class 40, 6 Multi 50, 13 IMOCA 60 e tre Ultime.
L’uscita nella Manica sarà subito da cuori forti, con vento da nordovest sui 20-25 nodi, onda molto formata e pioggia, un inizio non certo semplice per tutti gli equipaggi in regata che nelle prime ore avranno come principale obbiettivo quello di prendere il ritmo della regata e soprattutto preservare la barca in una delle fasi più delicate del percorso. Uno start decisamente muscolare, dove conterà molto risparmiare l’energia e gestire prima di iniziare ad attaccare.
Class 40 Tra i Class 40 i favoriti della vigilia sulla carta sono V and B di Maxime Sorel e Antoine Carpentier, Imerys di Phil Sharp e Pablo Santurde, Campagne de France di Halvard Mabire e Miranda Merron, con tanti equipaggi, inclusi i nostri Enel Green Power e Colombre XL a potere fare da outsider, soprattutto in una regata dove, particolarmente nella fase iniziale, non contano solo le performance ma anche tenere la barca tutta d’un pezzo.
IMOCA 60 L’entry list tra gli IMOCA 60 è di altissimo livello, con numerosi skipper che arrivano dall’ultimo Vendée Globe e diversi veterani della classe. I pronostici della vigilia si indirizzano verso St Michel Virbac, dei super veterani Jean Pierre Dick e Yann Elies, ma attenzione anche a Paul Meilhat e Gwénolé Gahinet su SMA, come anche all’esordio di Boris Hermann su Malizia II in coppia con Thoma Ruyant. Da tenere d’occhio anche Louis Burton che “inaugura” la nuova barca, l’ex Banque Populaire che ha vinto il Vendée Globe con Armel Le Cleac’h, e sarà in coppia con Servane Escoffier.
Multi 50 L’esperienza di Erwan Le Roux e Vincent Riou fa partire Fenetrea sulla carta un passo avanti agli altri. Ma tra i Multi 50 le variabili, una su tutte la tenuta di questi trimarani, sono varie ed è difficile fare pronostici. Da tenere d’occhio anche la coppia Lalou Roucayrol e Alex Pella su Arkema.
Ultime
Anche qui f..